SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

I babysitter

  • Uscita:
  • Durata: 84min.
  • Regia: Giovanni Bognetti
  • Cast: Diego Abatantuono, Francesco Mandelli, Paolo Ruffini, Antonio Catania, Simona Tabasco, Francesca Cavallin, Andrea Pisani, Luca Peracino, Francesco Facchinetti, Davide Pinter, Alberto Farina
  • Prodotto nel: 2016 da MAURIZIO TOTTI E ALESSANDRO USAI PER COLORADO FILM, IN COLLABORAZIONE CON MEDUSA FILM
  • Distribuito da: MEDUSA
Vedi programmazione

Film non più disponibile nelle sale

TRAMA

Andrea, un trentenne introverso e insicuro, sogna di diventare un importante procuratore sportivo. Intanto lavora come impiegato di ultimo livello nello studio del celebre agente dei campioni, Gianni Porini. L'occasione della sua vita si presenta il giorno in cui Porini deve ricevere un prestigioso premio al Gran Galà dello Sport e con sua moglie si ritrova all'improvviso ad aver bisogno di una babysitter che possa badare al figlio. Porini, nella fretta, chiede ad Andrea di occuparsi del capricciosissimo Remo. Andrea accetta, pensando si tratti di un'ottima occasione per farsi benvolere e ottenere l'avanzamento di carriera tanto desiderato. Proprio quel giorno, però, è anche il suo compleanno e da anni i suoi amici Aldo e Mario, uno più incosciente dell'altro, lo festeggiano con un party scatenato e, soprattutto, filmando con una telecamera amatoriale ogni momento della serata. E così accade anche la sera in cui Andrea dovrebbe badare al piccolo Remo. La villa dei Porini diventa così l'assurda location di una festa fuori controllo. Il mattino dopo la polizia contatta il celebre agente: la villa è devastata, e del piccolo Remo e di Andrea non c'è traccia. I coniugi Porini tornano a casa dove gli inquirenti hanno trovato, tra le macerie del party, la telecamera... Cosa vedranno in quelle immagini?

Dalla critica

  • Cinematografo

    La voglia di “sbocciare”, per dirla in gergo giovanile, conquista anche il cinema italiano. Dimenticate le feste in stile La grande bellezza, e puntate verso la demenzialitĂ  di un gruppo di ragazzi allo sbando, pronti a dare l’anima pur di divertirsi. Le regole non contano nelle notti piĂą pazze, e anche un innocuo vecchietto può trasformarsi nel protagonista di Up , con tanto di sedia e palloncini che lo fanno svolazzare in giardino. Ma questo è solo un assaggio. Ci sono pitoni che esplodono, e bravate in pieno stile Una notte da leoni , per rastrellare consensi tra le generazioni sotto i vent’anni. Tutto nasce dalla Colorado Film, che con Diego Abatantuono decide di raccontare una storia a dir poco fuori di testa. Andrea è un trentenne insicuro. Sogna di diventare un importante procuratore sportivo, ma intanto lavora come ultima ruota del carro nello studio del grande Gianni Porini, una leggenda nel settore, con il casco di Valentino Rossi in soggiorno e il vino di Pelè in cantina. Succede che il capo chieda ad Andrea di fare da babysitter al figlio per una notte. E da qui comincia il delirio. Gli amici del giovane invadono la villa di Porini, e scatenano un putiferio ai limiti del possibile. Alcool, droga, spogliarelliste e criminali in un ambiente da favola che rischia di crollare da un momento all’altro. Giovanni Bognetti è il regista esordiente di questo pandemonio. Per la sua opera prima, sceglie di girare il remake di Babysitting , commedia francese che faceva degli eccessi il suo punto di forza. Bognetti mantiene la struttura iniziale e cambia i rapporti tra i personaggi, con conseguenze a dir poco insensate. Il buon gusto finisce in cavalleria e gli istinti piĂą sciocchi diventano i veri protagonisti, persi nella bolgia di una festa di compleanno. I babysitter è la cartina di tornasole della voglia di emulare il cinema americano piĂą corrivo. Ricalca anche Project X – Una festa che spacca , di Nima Nourizadeh, e vorrebbe ispirarsi a Hollywood Party , con risultati pietosi. La comicitĂ  finisce sotto le scarpe, specialmente quando un’iniezione di melassa prende il sopravvento. La difficoltĂ  del rapporto padre – figlio è solo un pretesto per gonfiare il baraccone, e il messaggio finale dovrebbe far scattare un divieto non solo ai minorenni ma anche ai loro genitori. In vena di un’originalitĂ  sprecata, il film utilizza una doppia linea narrativa. Il pubblico viene a conoscenza dei fatti tramite una telecamera che riprende in soggettiva tutte le fasi  di questo sciagurato pasticcio. Con la tecnica del found footage, Abatantuono e compagni scoprono i fatti il giorno dopo. L’idea non è peregrina e spreme fino all’ultima goccia il giĂ  dissanguato filone hollywoodiano. I babysitter vuole essere una commedia demenziale, e fin qui potremmo anche starci. Ma ci vorrebbe un’altra mano, a scrivere, a dirigere, a montare. Quello che invece si vede sul grande schermo è disarmante e puerile, con un Paolo Ruffini fuori misura piĂą del solito. Maneggiare con attenzione: non provateci a casa.

  • Libero

    Spiacerà a chi sta imparando a diffidare di certe commedie nostrane remake di (troppo) recenti successi francesi (...). Perché il confronto è sempre a nostro sfavore. I comici di Colorado (Ruffini, Pisani) ai colleghi francesi (Jugnot, Desagnat) non gli allacciano neanche i mocassini.

  • Il Giornale

    Non tutte le rifritture sono da buttar via. Come questa commediola, sfrontata fotocopia di un recente film francese. (...) Pur se defilato, Diego Abantuono regge il film a suon di battute.

  • Il Fatto Quotidiano

    (...) uno dei rari casi dopo la trasposizione regge, offre un suo slancio, mantiene un'energia continua, non delude. Toni leggeri, mai volgari, nessuna battuta scontata, livello gag costruite bene, gran parte del film realizzato con la finzione della telecamera a braccio, rientra nel filone da comedy statunitense in stile 'Una notte da leoni', ma con un suo sapore italiano. (...) Bravo Francesco Facchinetti nella parte di un terapeuta squinternato .

VEDI TUTTE LE RECENSIONI

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Amore e inganni

Amore e inganni

  • Uscita:
  • Regia: Whit Stillman
  • Cast: Kate Beckinsale, Xavier Samuel, Emma Greenwell,...

Inghilterra, fine XVIII secolo. L'affascinante giovane vedova Lady Susan Vernon si reca in vacanza a Churcill per...

Scheda e recensioni

Nel frattempo, in altre città d'Italia...